Iniziative
artistiche
e sociali

Opera Guitta.png

 

Invenzioni a più voci  (2016)

È un progetto sul tema della memoria che coinvolge gli ospiti delle RSA della Fondazione Don Gnocchi di Milano. Una raccolta comprende brevi racconti della vita degli ospiti dei Centri abbinata a una traccia audio, donata da artisti del mondo dello spettacolo. Un doppio cd a cui hanno collaborato Nanni Svampa, il quartetto dei tenori della Scala di Milano - Italian Armonist, la Banda Osiris, la Mariinsky Orchestra di San Pietroburgo, il cantautore Luca Ghielmetti, il vibrafonista Marco Bianchi, l'attore Roberto Accornero, lo chef Gualtiero Marchesi, Moni Ovadia, il gruppo Arpe Diem, l'attrice Claudia Gerini, il doppiatore Carlo Valli, il chitarrista Franco Cerri, il gruppo musicale Altrocanto e Marco Ardemagni di Rai2 Caterpillar, gli artisti di Opera Guitta, Lina Sastri, Paolo Jannacci, il coro gospel dei Greenslevers, Elio e le Storie Tese, Claudia Penoni, Stefano Benni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In coro  (2020)

Riscaldare il Natale degli anziani ospiti delle RSA, mandando loro valanghe di auguri creativi tramite un breve video: con un messaggio, un saluto, un ritornello, una poesia… Tanti artisti e personaggi conosciuti del mondo della musica, della cultura, dell’arte o dello spettacolo, hanno partecipato a questo grande, infinito abbraccio virtuale, che ha coinvolto tutte le RSA della Fondazione Don Gnocchi, impegnate nel garantire durante il periodo di Natale e delle festività un significativo ponte tra esterno e interno, visto l’isolamento e l’impossibilità per gli ospiti di condividere le festività con i loro cari.

Hanno collaborato al progetto più di duecento persone, mandando messaggi, auguri e momenti di intrattenimento. Tra le prime adesioni al progetto si registrano quelle della Nazionale Cantanti con Marco Masini, Pupo, Riccardo Fogli, Paolo Vallesi, insieme al portiere Stefano Sorrentino. E poi ci sono Rita Pavone, Simona Ventura, i Matia Bazar, I Legnanesi, il conduttore e attore Paolo Ruffini, Ettore Andenna, lo scrittore Andrea Vitali, le attrici Laura Curino, Maddalena Crippa, Claudia Penoni, Silvia Sartorio e Claudia Donadoni.

Sono arrivati anche gli auguri di Sergio Barzetti, chef della Prova del Cuoco con Antonella Clerici su Rai 1 e autore di testi per “La Cucina italiana”; Claudia Vanni, giornalista Mediaset; Rossella Spinosa, compositrice e pianista internazionale; Ava Loiacono, ventriloqua, direttrice Studi Dalcroze in Italia e Svizzera; Candida Livatino, grafologa, con rubriche in trasmissioni tv di Mediaset; Gisella Donadoni, presentatrice del Festival del Cinema Nuovo e attiva in ambito Mediaset; Vittorio Cosma, tra i più importanti produttori musicali italiani; Stefano Montanari, direttore d’orchestra e solista. E ancora, Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista; Monika Lukàcs, cantante lirica; Danilo Radice, musicista e produttore musicale; Laura Fedele, pianista e cantante; Flaviano Braga, fisarmonicista; Laura Gessner; cantautrice; Luca Maggioni e Sara Ruiz, dei Pomeriggi Musicali; Stefano Ravotti, polistrumentista; Giovanni Folino, regista e musicista; Mita Bolzoni e Luca Bardi, attrice di teatro e musicista; Leonardo Manfriani e Mirella Sangiani, Società Dante Alighieri di Lucerna; gli allievi del CPM di Franco Mussida, Valerio Marcozzi, regista; la compagnia di Opera Guitta, Marco Belcastro, cantautore; Riccardo Benini, conduttore e presentatore; Gigi Rock, comico; le cantanti Giusy Consoli e Nicoletta Camisasca e molti altri ancora.

 

Festival del Cinema Nuovo

È un festival cinematografico che si svolge ogni due anni, cui partecipano cortometraggi e film di animazione interpretati e realizzati da persone con disabilità.
Il festival viene organizzato dall'Associazione Romeo Della Bella in collaborazione con Mediafriends e con la partnership di Fondazione Allianz Umana Mente.

La giuria è presieduta da Giampaolo Letta e Pupi Avati è il presidente onorario. Tra i giurati vi sono rappresentanti del mondo giornalistico e televisivo e professionisti qualificati del settore.

Testimonial del Festival sono Ale e Franz.

 

 

 

https://festivaldelcinemanuovo.it

 

Note’S – Scrivere di musica edizioni 2009 – 2011

È un’iniziativa di   carattere letterario e musicale organizzata dai Comuni di Binago, Cagno, Solbiate e Uggiate-Trevano, che si rivolge a tutti gli appassionati di scrittura e musica e agli studenti delle scuole secondarie di primo grado dei Comuni organizzatori. Note’s 2011 prevede un concorso letterario il cui tema centrale è lo scrivere di musica, il raccontare, attraverso storie originali, un linguaggio affascinante che accompagna da sempre i momenti più significativi della nostra esistenza. Il concorso è suddiviso in due sezioni, una dedicata agli adulti, veicolata a livello nazionale, e una riservata agli studenti della scuola secondaria, nell’area locale, per incoraggiare i ragazzi a produrre testi di narrativa che abbiano come protagonista la musica. Si apre dunque un ideale confronto tra generazioni, unite dal piacere di scrivere e di raccontare il rapporto con la musica e con il mondo che la circonda e per ambedue le sezioni, per incentivare la partecipazione, sono previsti premi per gli elaborati che saranno ritenuti migliori.

In corso d’opera e a fine iniziativa, sono previste, sia per le scuole che per i vari comuni, conferenze/concerto e incontri tematici con professionisti che lavorano in ambito musicale e letterario, musicale e terapeutico, didattico-musicale per presentare professioni o attività dove testo letterario e musica trovano terreno di incontro.

 

La fragile bellezza

Concorso letterario con lo scopo di favorire e valorizzare scritti originali e creativi, che affrontino tematiche sociali e di solidarietà, con una specifica attenzione a chi si trova in stato di difficoltà, di disabilità o di mancanza di autonomia.

Promosso da Fondazione Don Carlo Gnocchi con il patrocinio di:

Centro Artiterapie Lecco, Festival del Cinema Nuovo di Gorgonzola, MediCinema Onlus, Sineresi-Società Cooperativa Sociale, Associazione Culturale Longuel, Associazione Lilopera, Associazione di promozione sociale il Setticlavio.

 

Una furtiva nota

È un progetto multidisciplinare con una tournée teatrale, conferenze/concerto e un percorso formativo artistico per gli operatori della Fondazione Don Gnocchi.  L’iniziativa, promossa da  Mediafriends e Fondazione, nasce per attivare un innovativo cambiamento tra proposte creative e formative, con il compito di stimolare, coinvolgere e favorire iniziative di natura artistica per valorizzare l’arte e la creatività come intervento educativo, culturale e terapeutico. 

Il percorso si è svolto nell’arco del biennio 2018 - 2019 con una tournèe di 10 date in centri di Fondazione di tutta Italia con spettacolo Opera Guitta, che si è conclusa con l’esibizione davanti a Papa Francesco nell’ottobre del 2019, in Sala Nervi in Vaticano. Scritto e diretto da Antonio Vergamini, regista attivo a livello internazionale, che conta fra le sue collaborazioni quella con Cirque du Soleil, Opera Guitta è un riuscito esperimento creativo che unisce opera lirica, clowneria e teatro nel modo più semplice e diretto possibile.

Particolarmente significativa la proposta di formazione artistica, sia agli ospiti che agli operatori, sulle tematiche trattate – musica, opera, teatro, video, comicità – tenuta da formatori che lavorano nel campo artistico, ma hanno esperienze e competenze in ambito sociale.

Si sono attivate lezioni e conferenze/concerto a cui hanno partecipato Giovanni Bataloni, Silvia Sartorio, Christian Silva, Irene Alzani, Monika Lucaks, Francesca D’Addario, Luca Maggioni, Fatlinda Thaci, Engjellushe Bache e Claudio Giacomazzi, Ava Loiacono, Stefano Ligoratti, Sarah Ruiz, Titti Gerini, Nicanor Cancellieri, Irene Geninatti Chiolero, Franca Pampaloni.
 

Il Contastorie

È un’iniziativa promossa da Mediafriends che coinvolge i giovani musicisti della Scuola di musica Ottava Nota di Milano e gli ospiti del Centro Girola della Fondazione Don Gnocchi. 
Gli anziani raccontano e cantano, i ragazzi ascoltano, con l’obiettivo di restituire poi quelle stesse storie e canzoni in musica, con un concerto.

L’incontro è un primo passo per un proficuo e creativo incontro tra due generazioni, così diverse ma al contempo simili, da cui l’una può imparare dall’altra e arricchirsi dell’energia scaturita da questo momento di condivisione e collettività.